CACCIA ILLEGALE, A PUGNELLO VIENE TROVATO UN GIOVANE CAPRIOLO MORENTE MASSACRATO DAI CANI

INTERVIENE IL C.P.V. E SCOPRE CHE LA RESPONSABILITÀ È ANCORA DEI “SOLITI BRACCONIERI”.

Alle otto di mattina di mercoledì sette novembre una residente di Pugnello, frazione di Arzignano, avvisava le guardie dell’E.N.P.A. del ritrovamento di un capriolo in un appezzamento di proprietà, l’ungulato sarebbe stato gravemente ferito.

E.N.P.A. ha chiesto ad una volontaria della zona di fare un sopralluogo per rendersi conto delle condizioni dell’animale e successivamente, individuata la posizione, avvisare la polizia provinciale per il recupero. Arrivata sul posto la volontaria si è trovata di fronte ad una scena raccapricciante, il capriolo un giovane maschio era morente, con ampie ferite nella parte posteriore, le gambe spezzate con le ossa in evidenza, profonde lacerazioni nei fianchi. Ha fatto in tempo ad allungarli qualche carezza per tranquillizzarlo, è morto guardandola negli occhi.