MAMME E CUCCIOLI DI VOLPE FATTI A PEZZI NELLE TANE

IL CPV INTERVIENE CON UNA DIFFIDA INVIATA OGGI AL COMMISSARIO SCHNEK PER FERMARE IMMEDIATAMENTE QUESTE VIGLIACCHE INUTILI E INCOMPRENSIBILI BARBARIE

La storia è nota, la provincia di Vicenza, ha emanato alla chetichella, una delibera voluta dall’ex assessore alla caccia Marcello Spigolon, che risulta tutt’ora in vigore. Grazie a un complicato accordo con L’ISPRA, è uscito un documento che autorizza centinaia di cacciatori, a compiere ogni sorta di nefandezza sulle volpi nel periodo in cui allevano i piccoli.

Questo, con un unico obbiettivo dichiarato, che servirebbe ad eliminare un concorrente che per natura e sopravvivenza preda animali come il fagiano o la lepre, obbiettivi primari per lo svago di una nutrita schiera di umanoidi dal grilletto facile. La delibera autorizza i cacciatori abilitati, dal mese di marzo al mese di luglio ad adottare dei metodi di uccisione delle volpi di una barbarie inaudita.